Scritti di Ernesto De Martino in Romagna (1943-45)

Nel romanzo corale, chiaramente, la prima voce da ascoltare dovrebbe essere quella del protagonista, Ernesto De Martino. Eppure, non è che questo scrittore, seppur prolifico, si sia dilungato molto nel descrivere la sua esperienza romagnola. Chissà, forse perché più tardi ricorderà con qualche auto-critica la fase della sua vita caratterizzata da un’impegno politico apparentemente troppo velleitario. Rimane davvero poco di autobiografico, mentre tornano disponibili i suoi scritti politici


PROCLAMA ALLA POPOLAZIONE DI COTIGNOLA

Nel novembre del ’44 la gente a Cotignola aveva l’impressione che la liberazione era imminente, visto che le forze alleate risalivano l’Italia e avevano sfondato in Romagna sul lato adriatico. Quell’impressione si sarebbe presto rivelata sbagliata visto che il fronte si arrestò sul fiume Senio fino all’aprile del ’45. Tuttavia, inconsapevole ancora dei ritardi della storia, de Martino aveva redatto il Proclama della Liberazione che fu poi temporaneamente nascosto dal socialista Alvaro Badiali nel granaio di palazzo Maltoni. E’ proprio grazie a Badiali che disponiamo dell’ultima copia originale rimasta poiché la depositò negli archivi del Comune di Cotignola nel ’72. Possiamo così riportare copia degli originali del Proclama e della lettera di Badiali del ’72 ad essa allegata. I documenti si trovano nell’archivio del Comune di Cotignola.


I TRENTA DI MASIERA

I trenta di Masiera è l’unico testo veramente autobiografico sul periodo resistenziale romagnolo,  un testo drammatico. In esso, De Martino parla di sé in terza persona, nascondendosi dietro la figura di un ingegnere meridionale, durante il suo soggiorno, nel dicembre del ’44, presso il Palazzo Annaratone nella frazione di Masiera del comune di Bagnacavallo, a ridosso del fiume Senio, che costituì il fronte della guerra tra gli occupanti nazisti e i repubblichini fascisti da una parte e le forze alleate dall’altra per quattro lunghissimi e terribili mesi.


Le lettere

A questo potremmo aggiungere alcune lettere che De Martino scrisse in quel periodo ad alcune figure intellettuali italiane di prim’ordine: a Cesare Pavese, con cui De Martino già pianificava da tempo le pubblicazioni della “collana viola” di storia delle religioni ed etnologia presso l’editore Einaudi; al “papa laico” Benedetto Croce, a cui De Martino parlava, dopo il 25 luglio, di una “tiepida alba di libertà”; al professore di storia delle religioni di San Giovanni in Persiceto Raffaele Pettazzoni; e al compagno azionista e intellettuale pugliese Tommaso Fiore (di quest’ultima ho avuto accesso a uno stralcio soltanto, se qualcuno avesse il tempo di recuperare e rendere pubblica la copia integrale, l’originale dovrebbe essere negli archivi della Biblioteca nazionale di Bari).

Riporto qui le copie delle trascrizioni delle lettere scambiate con Cesare Pavese inerenti il soggiorno romagnolo, pubblicate da Pietro Angelini in La collana viola.

Lettere La collana viola. Lettere 1945-1950,Cesare Pavese, Ernesto De Martino,a cura di Pietro Angelini, ed. Bollati Boringhieri



Scritti politici

Riporto qui le pubblicazioni di De Martino in qualità di membro del Partito Italiano del Lavoro e poi di direttore del Centro studi del partito e altri scritti d’ordine politico

La religione della libertà, Centro studi del P.I.L., 16 giugno 1944.

Articoli su “La voce del popolo”

“Noi e la religione”, La Voce del Popolo, I, 14, 20 aprile: 1, prima parte e “Collettivismo”, La Voce del Popolo, I, 14, 20 aprile: 1.

“Noi e la religione”, La Voce del Popolo, I, 15, 25 maggio: 2, seconda parte

“Noi e i cattolici”, La Voce del Popolo, I, 16, 1 luglio: 1-2 e “Capitale e capitalismo”, La Voce del Popolo, I, 16, 1 luglio:

“Danaro e banche”, La Voce del Popolo, I, 17, 1 agosto.

Su “La voce dei giovani”

“Della Repubblica”, La Voce dei Giovani, I, 1, 16 giugno: 2.

“Politica, morale e religione”, La Voce dei Giovani, I, 2, luglio: 1-2.

“Conoscerci”, La Voce dei Giovani, I, 3, agosto: 2. Indisponibile

Tutti gli articoli precedenti sono stati stampati in Raccolta scritti apparsi in periodo clandestino sulla stampa del partito fino al settembre 1944. Centro studi del PIL, pp. 62, 1944, dove si trova anche l’inedito  “Marxismo e religione”  (indisponibile)

Giuramento liberalsocialista

Ernesto De Martino, Il nuovo Risorgimento, 15 giugno 1944