SCRITTI DI COMPAGNI POLITICI

Il romanzo corale si arricchisce di altre fonti, tra le quali molti testi scritti da compagni di lotta politica e clandestina e compagni di dibattiti intellettuali.

Testimonianza autobiografica di Pietro Spada (Rino Sala)

Libro fondamentale, a questo proposito, risulta essere Storie ai margini della storia (1943-1945), il racconto autobiografico di Pietro Spada, altrimenti detto Rino Sala, che ricostruisce, anche lui in terza persona, la sua esperienza della guerra, dell’occupazione e della Resistenza, in compagnia, tra gli altri, di De Martino e Tolloy. Il capitolo che riguarda direttamente il soggiorno di Pietro Spada (Rino Sala) presso De Martino e la moglie Anna a Cotignola è il terzo, ma il resto del libro è altrettanto interessante per comprendere il coinvolgimento di Spada nei movimenti clandestini romagnoli e nella lotta partigiana prima in Romagna e poi a Milano.

1943-45: Storie ai margini della storia

di Anonimo Romagnolo, Edizioni Pietro Spada, Milano, 1984.

Scritti di Giusto Tolloy (Mario Tarchi)

Tra i compagni di lotta di De Martino abbiamo visto che ha ricoperto un ruolo fondamentale Giusto Tolloy. Purtroppo non ho trovato tracce scritte in cui questi parlasse del Professore. Ma i suoi scritti dell’epoca sono comunque fondamentali per completare il nostro romanzo corale: pensiamo a Ai migliori degli italiani, Con l’armata italiana in Russia e alcuni articoli, come Il Vangelo della libertà e la Lettera a De Gaulle recentemente ristampati in Il prezzo della libertà. Giusto Tolloy: scritti inediti e testimonianze della vita politica, a cura di Roberto Pagan, edizioni La città del sole. Sul piano biografico è interessante la testimonianza della figlia, Silvia Tolloy, che ricorda come fu lei bambina a rispondere “Radio Londra!” quando la sua maestra, spia del regime fascista, chiese se qualcuno conosceva una certa musichetta che si sentiva alla radio: fu per quello che suo padre fu scoperto e inviato sul fronte russo. Preserviamo l’innocenza dei bambini!

Storia della Resistenza a Cotignola di Luigi Casadio (Leno)

La ricostruzione, più storiografica che biografica, della Resistenza a Cotignola è offerta da Luigi Leno Casadio, il capo partigiano comunista, in Dissidenti: antifascisti e Resistenza a Cotignola.

I dissidenti: Antifascisti e Resistenza a Cotignola

di Luigi Casadio

Aurelio Macchioro e la sua attività politica per il Partito d’Azione

Del cognato Aurelio Macchioro si può leggere una lunga e ricca intervista del 2002 su Il pensiero economico italiano, Anno X/1, 2002, La storia del pensiero economico come storia “etico-civile”. Intervista ad Aurelio Macchioro, a cura di T. Maccabelli e L. Michelini, disponibile qui.

Riguardo all’attività politica di Macchioro, è inoltre utile leggere le lettere scambiate con L. Ragghianti, allora tra i capi del movimento azionista a livello nazionale. Tra queste è disponibile:

Lettera di Ragghianti a Macchioro, 28 marzo 1944, in S. Contini Bonaccorsi – L. Ragghianti Collobi (a cura di), Una lotta nel suo corso. Lettere e documenti politici e militari della Resistenza e della Liberazione, Neri Pozza Editore, Venezia 1954, pp. 105-109, p. 105.

Riporto inoltre qui sotto copia dell’originale di una lettera inviata da un alto esponente nazionale del Partito d’Azione (firmato R. ma presumibilmente proprio Ragghianti) a un membro presente in Romagna (chiamato G. ma con ogni probabilità si tratta proprio di Macchioro. La lettera è presente agli Archivi del novecento di Casa Oriani di Ravenna, nel fondo Partito d’Azione.

Lettera del PdA ai Romagnoli

Presumibilmente di Ludovico Ragghianti inviata a Aurelio Macchioro

Vincenzo Cicognani, il romagnolo del Partito d’azione

Vincenzo Cicognani, avvocato di Lugo attivo a Bologna, ha avuto un ruolo importante nel costruire una rete di rapporti tra diverse personalità repubblicane e liberalsocialiste che pensava di potere associare l Partito d’Azione di cui fu tra i fondatori. Commilitone di Tolloy in Puglia, conobbe De Martino nei circoli di Villa Laterza, ritrovando entrambi in Romagna. L’Istituto storico della resistenza di Bologna ha raccolto nel 1967 una sua preziosa testimonianza.

Testimonianza di Vincenzo Cicognani

Tratta da LUCIANO BERGONZINI, LA RESISTENZA A BOLOGNA TESTIMONIANZE E DOCUMENTI, VOLUME I, Istituto per la Storia di Bologna, Bologna 1967, pp. 253-5, originale disponibile sul sito dell’Istituto qui.

Carlo Campolmi partigiano, ospite di de Martino e dei Cornacchia

Di Campolmi c’è una preziosissima lettera inviata al comune di Cotignola nel 1965 per le celebrazioni del XX anniversario della Liberazione. Riporti qui la copia dell’originale, mentre la sua trascrizione è disponibile sul libro celebrativo del XXXV anniversario della Liberazione di Cotignola, pubblicato dal comune nel 1980.

Testimonianze di Carlo Campolmi al comune di Cotignola del 1965

Carlo Campolmi, Memorandum sull’attività in Romagna, allegato a Lettera al Sindaco di Cotignola, assieme a Notizie di carattere biografico e Citazioni bibliografiche, 12 marzo e 5 aprile 1965, Archivio di Cotignola

Uno di questi documenti è stato pubblicato interamente quindici anni dopo: C. Campolmi, “Lettera inviata il 12 marzo 1965 dal Sig. Campolmi di Firenze, membro del comitato toscano di liberazione nazionale, tenente colonnello comandante la divisione «Giustizia e Libertà» operante in Toscana. Decorato di due medaglie d’argento al valor militare”, in Comune di Cotignola, XXXV anniversario della Liberazione, cit., pp. 21-23.

Si possono anche leggere, per chi volesse ampliare la conoscenza di questo personaggio, alcune testimonianze sul suo arresto e sulle torture e le sevizie subite inflittegli da parte di fascisti e tedeschi in A. Mugnai, La Banda Carità. Ora che l’innocenza reclama almeno un’eco, Becocci Editore, Firenze 1995, pp. 112-113 .

Riporto qui una foto del dipinto e della dedica sul retro ad opera di Campolmi, da lui regalato e dedicato nel 1966 alla figlia di Luigi Cornacchia, il contadino che ospitò Campolmi e De Martino per diverso tempo, in occasione del matrimonio di lei. E’ qui rappresentato l’albaraz, il vecchio albero del cortile sotto il quale era scavato uno dei rifugi in cui si nascondevano perseguitati ed armi.

Sempre sull’albaraz, il mio amico Mario Baldini ha fatto un bellissimo corto, nel quale si vede Antonio, figlio di Luigi Cornacchia, che aveva allora, al tempo del passaggio di Campolmi e del Professore, solo 10 anni.

Salvatore Marco De Simone e il Fronte Democratico della Cultura

Di De Simone si può leggere la lunga intervista che descrive la sua partecipazione alla Resistenza in Toscana e in Romagna.

Intervista al sen. Salvatore Marco De Simone già membro del C.L.N.T. e responsabile politico del PCI in provincia di Ravenna durante la Resistenza / a cura di Isolo Sangineto, Cosenza : Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea, 1991, (poi ripubblicata in Mario Massoni, a cura di, Marco, fra storia e ricordi: testimonianze edite e inedite sulla vita di Marco De Simone, Rossano, Grafosud, 2002, pp. 40-47).

Riporto qui anche una foto dei documenti originali, firmati da De Simone come “E Student”, in qualità di emissario della Federazione di Ravenna del partito comunista clandestino e del Manifesto e dello Statuto del Fronte Democratico della Cultura fondato assieme a Macchioro e De Martino.