Le fonti parlanti. Attorno a Ernesto De Martino in Romagna (1943-45) – in progress

PRESENTAZIONE

Dal 2015 mi sono dedicato alla ricostruzione dell’itinerario biografico, politico e intellettuale di Ernesto De Martino, grande intellettuale e antropologo del XX secolo, durante il suo soggiorno in Romagna al tempo della Seconda guerra mondiale. Questa storia mi è entrata dentro: forse perché anch’io provo ad essere antropologo; probabilmente perché la Romagna è anche la mia regione di origine. Ed ecco che, dopo essere partito sul campo in luoghi lontani per fare la mia professione, mi sono ritrovato, attraverso Gramsci, a tornare a casa, a qualche chilometro da dove sono nato, a studiare una storia fino ad allora conosciuta attraverso i racconti dei miei nonni, che ho perduto proprio in questi anni.

Seguire le tracce di De Martino – a Cotignola e Masiera sotto occupazione e poi a Ravenna e Forlì in zona liberata (guarda la mappa estesa e la mappa ristretta dei luoghi legati a questa storia) – non solo mi ha aperto le porte di un breve, ma straordinario quanto finora poco conosciuto, periodo della sua vita; mi ha anche spalancato la vista sul mondo sociale, allargato, della Romagna tutta, facendomi scavare, con la memoria civile, nella mia intimità culturale. Un mondo, quello, nel quale l’esperienza individuale di De Martino, pur così eccezionale, si confondeva e si perdeva nell’insieme delle esperienze eccezionali di ogni esistenza individuale, a stento tenute insieme da qualche brandello di speranza in quei tempi così drammatici di bombardamenti, persecuzioni, fame e sentimento della fine.

 

Mappa estesa della Romagna (1944) con indicazione dei luoghi legati a De Martino o ai suoi compagni

 

 

 

 

Mappa ristretta della regione attorno a Cotignola (1944) con indicazione dei luoghi legati a De Martino o ai suoi compagni

 

 

Succedeva qualcosa di magico quando andavo a seguire tracce in archivi, in romanzi, in memorie e in registrazioni di racconti orali: le fonti sopravvissute – anche se ormai ridotte a cose, perché chi le produsse ormai non c’è più – hanno cominciato a parlarmi. Ma trattandosi di fonti di persone diversissime – dall’intellettuale socialista al contadino canapino, dalla contessa allo storico – nella mia testa esse, inconsapevoli,  hanno dato vita a una grande narrazione corale, che ora io vorrei restituire.

Per restituire la coralità di questo romanzo storico, il mio ruolo non dovrebbe essere altro che quello di un mediatore, di un ripetitore o di un montatore di queste fonti. Al limite una voce ulteriore, ma tardiva e balbettante, come solo può essere quella di uno nato ben oltre la fine della guerra.

E così io, oltre a restituire i risultati della mia ricerca in un saggio dal taglio scientifico – e poi in un libro e un romanzo che spero di prossima pubblicazione -, ho pensato che queste fonti dovessero restare in vita e continuare a parlare anche ad altri.

L’intellettuale e il popolo. Ernesto De Martino in Romagna durante la guerra

R. Ciavolella,  Nostos, n. 1, dicembre 2016

 


SCRITTI DI ERNESTO DE MARTINO DURANTE IL SUO SOGGIORNO IN ROMAGNA (1943-45)

“I trenta di Masiera”, Le lettere, Gli scritti politici

SCRITTI DEI COMPAGNI POLITICI

Testimonianza autobiografica di Pietro Spada (Rino Sala, Scritti di Giusto Tolloy (Mario Tarchi), Storia della Resistenza a Cotignola di Luigi Casadio (Leno), Aurelio Macchioro e la sua attività politica per il Partito d’Azione, Carlo Campolmi ospite di De Martino e dei Cornacchia, Salvatore Marco De Simone (comunista) e il Fronte Democratico della Cultura

ALTRE TESTIMONIANZE

FOTO E VIDEO

Il giardino degli Ebrei, La casa di Cotignola, La casa dei Cornacchia