TRADURRE DAI MARGINI. Riflessioni su subalternità e iniziativa politica a partire da un’antropologia della “questione pastorale”

Intervento al Seminario “Il laboratorio gramsciano”, Ecole française de Rome, Roma, 3 luglio 2015

 Da antropologo, posso considerare Gramsci e il suo pensiero non come oggetti di ricerca in sé, ma come strumenti per pensare e interpretare le realtà storiche con le quali mi confronto nelle mie indagini etnografiche. Come richiestomi dunque dagli organizzatori di questo seminario dell’Ecole française de Rome, che ringrazio sinceramente, la mia presentazione non sarà incentrata su una critica di un qualche concetto gramsciano, ma piuttosto su come intuizioni ed elaborazioni gramsciane possono essere “tradotte” in una ricerca antropologica, a partire evidentemente dalle mie esperienze etnografiche. Anticipo subito di sentirmi un poco a disagio in questo esercizio, visto che dovrò in qualche modo “giustificare” il fatto che mi occupo al contempo di Gramsci e della sua influenza sull’antropologia sul piano teorico e poi di ricerche più prettamente etnologiche in Africa che possono sembrare lontane dalla prospettiva filologica e teorica più generale. Vi invito pero a questo détour per terre lontane con l’obiettivo appunto di dimostrare quanto una riflessione che parta da uno studio di un caso storicamente determinato di gruppo subalterno, per quanto esotico, possa rendere perlomeno legittimo il tentativo di operare una “traduzione” con esperienze sentite come più vicine, altrimenti detto tra il Sud e il Nord o tra la periferia e il centro, e di conseguenza, una traduzione tra esperienze storiche diverse, ognuna espressa e vissuta con il proprio linguaggio politico e la propria storia particolare, ma dalle quali dobbiamo tirare fuori, se possibile, un “senso comune” per pensare alla subalternità nel nostro mondo comune. Come cerchero di dimostrare, tale esercizio di traduzione antropologica è anche una traduzione, in senso propriamente gramsciano, tra il caso empirico e la teoria, tra il concreto e l’astratto, tra il particolare e l’universale, tra un’esperienza soggettiva e le forze della storia.

Continue reading “TRADURRE DAI MARGINI. Riflessioni su subalternità e iniziativa politica a partire da un’antropologia della “questione pastorale””

THE CHANGING MEANINGS OF PEOPLE’S POLITICS. Gramsci and anthropology from the history of subaltern classes to contemporary political subjects

Gramsci Conference, Past & Present, King’s College, London, 18th and 19th June 2015 

Abstract

Since the 1950’s, Gramsci is one of the main references for those studies inquiring into the history, the forms, the experience, and the significance of popular politics. What is the significance of popular or subaltern politics today and what would be a Gramscian perspective on that? In order to tackle this question, this paper traces the changing ways in which Gramscian concepts have inspired scholars, and especially anthropologists, on the issue, showing how the idea of popular politics has changed accordingly to the changing meanings of subalternity, from the end of the Second World War to the present. Firstly, the paper describes the way in which Gramsci has been, for a moment, a link between anthropology and social history (De Martino, anti-colonial anthropology, Hobsbawm, Thompson) for the study of subaltern classes, especially rural groups not yet completely incorporated into state and capital modernity. Secondly, it shows the critical, but also partial, use of Gramsci’s concepts in the post-structuralist anthropology of resistance and of peasant societies (Scott, Guha) in postcolonial worlds. At the end, the paper reflects on the possibilities and the limits for a Gramscian look at popular politics for anthropologists today. This is a critical issue in our times, where intellectuals and institutional politics have lost any capacity to represent organically subaltern classes and where the meaning of subalternity of Gramsci’s times – as both nostalgically denounced and prophetically anticipated by Pasolini about Italy – has completely changed in the contemporary world.

Continue reading “THE CHANGING MEANINGS OF PEOPLE’S POLITICS. Gramsci and anthropology from the history of subaltern classes to contemporary political subjects”

Egemonia e soggetto politico in antropologia

Intervento al seminario Egemonia prima e dopo Gramsci, organizzato da Fabio Frosini, 20 e 21 ottobre 2014, Università di Urbino

Introduzione – Egemonia – Antropologia della resistenza e della coscienza tra le masse contadine – Tentativi di mediazione tra antropologia politica, storia sociale e pensiero gramsciano

Introduzione

In quest’intervento, intendo presentare alcuni nodi cruciali dell’uso che gli antropologi politici fanno e hanno fatto del pensiero gramsciano. La questione mi sembra di una certa importanza per la situazione attuale, se consideriamo che gli antropologi e l’antropologia stanno giocando un ruolo, forse inatteso, nella costruzione teorico-politica dei movimenti contestatari nella fase attuale di crisi dell’egemonia capitalistica. Negli ultimi decenni, l’antropologia politica si è dimostrata utile ad analizzare la costruzione di soggettività frammentarie e le loro forme di resistenza. L’immaginario di subalternità e resistenze prodotto dall’antropologia ha saputo ispirare i movimenti sociali e la teoria critica che li accompagna, dal “nomade” o il “selvaggio” di Deleuze e Guattari – presi in prestito a Clastres e all’antropologia politica delle società senza stato -, fino alle teorizzazioni dei movimenti sociali attuali dell’antropologo anarchico David Graeber[1]. La dimensione libertaria, e quindi anti-egemonica, è evidentemente molto forte in questo tipo di elaborazioni. L’antropologia sembra offrire esempi di alter-politica[2], buoni per pensare formule politiche differenti, dove l’emancipazione possa passare attraverso forme non istituzionalizzate, “dal basso”, e tese alla costruzione di alternative piuttosto che al sovvertimento del sistema attraverso la presa del potere, come recita il celebre titolo di Holloway[3].

In questo contesto, la figura di Gramsci è strattonata, da una parte, da antropologi d’orientamento libertario come James C. Scott, che lo criticano in quanto teorico dell’imposizione del pensiero unico; dall’altra, da antropologi come James Ferguson per il Sudafrica o John Gledhill per il Messico[4], che vi vedono il teorico di forme di resistenza e di produzione di soggettività antagoniste in seno alla “società civile” su scala globale. Anche nell’antropologia politica attuale, si potrebbe dire, esiste un “Gramsci conteso”[5].

Continue reading “Egemonia e soggetto politico in antropologia”

Programme – L’anthropologie politique et Antonio Gramsci 2014 EHESS

L’anthropologie politique et Antonio Gramsci : influences, inspirations et interprétations

Riccardo Ciavolella, IIAC-LAIOS, Gianfranco Rebucini, IIAC-LAIOS

Les mardis 11/03, 25/03, 29/04, 13/05, 27/05 de 11 h à 13 h, séance exceptionnelle le jeudi 10/04 de 15h à 17h

EHESS – salle 587, bât. Le France, 190-198 av de France 75013 Paris

11 mars – Introduction – La pensée de Gramsci et sa contribution à l’anthropologie politique (séance animée par les responsables du séminaire)
Continue reading “Programme – L’anthropologie politique et Antonio Gramsci 2014 EHESS”