Archives de catégorie : Pensées, opinions et écrits hors science

Qualche nota (non su Fusaro ma) sul dissenso come elemento di nuovo consenso egemonico

Riferirsi a Gramsci per sostenere che viviamo nel tempo del Pensiero Unico Dominante che non ammette critica né dissenso significa non avere capito bene Gramsci o non avere letto bene la realtà storica, il che è, a mio parere, per certi versi equivalente. Per Gramsci l’egemonia si fonda certo sulla diffusione culturale di valori e concezioni del mondo che sono organiche a un sistema economico capitalistico, a cui contribuiscono ugualmente delle istituzioni il cui compito è oliare gli ingranaggi e assicurare la stabilità sociale quel tanto che basta per la riproduzione e per l’espansione del sistema. Tuttavia, il capitalismo non è, appunto, un sistema stabile: ha bisogno di essere preservato; e ancora: anche protetto, ha bisogno di espandersi continuamente. Quindi, il capitalismo è un processo storico. Come tale, è un tentativo costante di superare – offrendo nuove opportunità quando va bene o con la repressione quando va male – delle contraddizioni sul piano sociale (contestazioni, crisi, rivendicazioni…) che emergono dalle distorsioni che esso stesso produce nel suo sviluppo – le disuguaglianze economiche, l’emarginazione sociale di larghe fette di popolazione, il prosciugamento delle risorse di un territorio, l’accaparramento di beni comuni. Esso è suscettibile di condurre se stesso a una situazione di crisi qualora venga meno la sua capacità di inglobare nuove fette sociali nella “classe media”, di preservare la fiducia sociale indispensabile all’espansione dei consumi attraverso l’indebitamento, di procedere all’espansione formale di diritti politici e sociali, di assicurare sfere di “pace” e di fare apparire le istituzioni politiche che guidano il processo come “legittime”. Ma la crisi non è un evento. Può durare per tanto tempo – finché il nuovo non nasce; o più spesso finché l’egemonia non avrà trovato le risorse economiche, culturali e istituzionali per risolvere la crisi e con essa rigenerarsi. In questo contesto dinamico, la Storia è sempre fatta di storie molteplici anche se sempre interdipendenti: di pensieri differenti, di immaginari contrastanti, di aspirazioni alla trasformazione, di dinamiche divergenti, di punti di resistenza. Pensare a questi però solo nei termini del “dissenso”, risulta essere, paradossalmente, funzionale al recupero di esso da parte dell’egemonia stessa. Il “dissenso” si riduce alla figura eroica dell’individuo che si pone su un piano di superiorità morale: il suo compito è di denunciare. E come diceva Gramsci, è nei momenti di crisi egemonica che si diffondono il clientelismo e la corruzione e al tempo stesso che questi ultimi diventano i bersagli preferiti, se non unici, di una critica politica ridotta a sola denuncia morale.

La figura del denunciatore dissenziente, certamente, si pone, o perlomeno si pensa, al di fuori dell’egemonia e della sua espansione culturale. La figura del “dissidente” oggi esiste davvero: anzi, si è generalizzata al punto da rappresentare la maniera in cui la maggior parte delle persone concepiscono se stesse, da chi vomita insulti sui social networks al filosofo che si pone come rappresentante di un nuovo risveglio. E’ essere dissenzienti che fa consenso. Tale diffusione è però il segno della contraddizione dello stesso “dissidente”: se il dissenso non è possibile, come è possibile denunciare il sistema per l’assenza di spazio per la denuncia? In questo modo, si lascia la storia in mano agli eroi o agli stregoni – che si credono non sottoposti alle leggi della storia – che propongono di risolvere, con la loro iniziativa morale e con le armi concettuali di identità metafisiche – le crisi dell’egemonia capitalistica. Solo che quest’ultima, come ha fatto in passato, può ben approfittarsene e utilizzare il “dissidente” per operare la sua rivoluzione passiva: accettare che le istituzioni diventino altro e anche i nostri modi di pensare; ma sempre lasciando che la macchina del capitale produca le sue distorsioni e noi zitti ad accettare. Basta trovare e identificare altri nemici, interni ed esterni: ci si sentirà « dissidenti » rispetto ai Grandi Poteri. Ed è un po’, molto, anche responsabilità del pensiero “di sinistra”, che si è lasciato ipnotizzare, questi ultimi anni, da un rigurgito di spontaneismo, da un populismo della denuncia, da miti di una politica anti e contro puramente passiva con termini quali “sovversione” o « contropotere », facilmente recuperabili oggi da un pensiero impressionistico e revanchista e complottista, che macina e metabolizza, e al tempo stesso ribalta, la storia di lotte di emancipazione popolare in un nuovo pensiero « populista » che annuncia il superamento delle frontiere ideologiche – e in tal modo pende inevitabilmente e fortemente da una parte soltanto senza ammetterlo e addirittura – lo accetto – qualche volta senza neanche saperlo.

Dovrebbe esserci una bella differenza tra dissenso e politica. La prima è indispensabile, certo, ma non è sufficiente alla politica: ne é solo un bagliore, un principio che si spera possa muovere il « soggetto » dalla morale alla prassi politica. Quest’ultima, nel senso alto di Gramsci, è la produzione, qui e ora nella storia, di una nuova egemonia, di nuovi immaginari realisti piuttosto che utopici, di critiche costruttive piuttosto che di semplici denunce morali: ma di realismi e costruzioni ben più ardimentose del semplice piegarsi al reale o del compiacersi nel denunciarlo. In fin dei conti, avremmo bisogno di un populismo del riscatto inteso come speranza ed emancipazione di tutti piuttosto che di un populismo del riscatto inteso come revanchismo e vendetta tra poveri e come denuncia eroica: è un bivio di fronte al quale già siamo stati posti.

Lettera (semi-seria) ai miei amici, ovunque si trovino (Romagna, la Ville Lumière, Pétahouchnok, Canicattì, Timbuktu, Lahraj, Far West, Far East, Eldorado, oltre Eboli, Tristi tropici, Svizzera, in nave)

Qui di seguito un esercizio semiserio in cui si immagina come un politico di fine Ottocento/inizio Novecento avrebbe pensato oggi la costituzione di un soggetto politico di massa e progressista.

Continuer la lecture de Lettera (semi-seria) ai miei amici, ovunque si trovino (Romagna, la Ville Lumière, Pétahouchnok, Canicattì, Timbuktu, Lahraj, Far West, Far East, Eldorado, oltre Eboli, Tristi tropici, Svizzera, in nave)